Per creare devo distruggere, canta Thom Yorke a metà del suo quarto album. Una delle cose che distrugge è la classica struttura delle canzoni. Niente di nuovo: i suoi progetti solisti sono collage digitali che trovano un senso nel loro farsi e “Anima” non fa eccezione. L’idea, ha raccontato il cantante, non era scrivere canzoni, ma creare musica attraverso un processo caotico e liberatorio. “Mi sono ritrovato a immergermi nella vecchia musique concrète e in questa specie di anti-musica”. Un altro modo di vedere la cosa consiste nel pensare il disco come un spazio contemplativo della condizione di ansia in cui viviamo.

 

Spegnete la musica italiana

Avete mai sofferto di depersonalizzazione? Quando eravamo adolescenti, qualche volta capitava: ti sentivi estraneo al tuo corpo, magari non ti riconoscevi allo specchio, avvertivi come un senso di distacco da tutto ciò che ti accadeva intorno e, anche se eri sveglio, provavi la stessa sensazione di quando si sogna. Per almeno 25 anni non ci…

Continua a leggere