Credere nella meritocrazia è un errore?

La meritocrazia è diventata un ideale sociale di primo piano. I politici di tutte le fazioni tornano continuamente sul tema sostenendo che le ricompense della vita – denaro, potere, lavoro – dovrebbero essere distribuite in base alle capacità e allo sforzo di ognuno. La metafora più comune è la “parità delle condizioni del gioco” dove tutti i giocatori possono arrivare alla posizione che corrisponde ai loro meriti. Concettualmente e moralmente, la meritocrazia si presenta come l’opposto di sistemi come l’aristocrazia ereditaria, in cui la propria posizione sociale è determinata dalla lotteria della nascita. In un sistema meritocratico, la ricchezza e il vantaggio sugli altri sono il giusto compenso del merito, non la fortuita conquista per via di eventi esterni. La maggior parte delle persone non si limita a pensare che il mondo dovrebbe essere gestito in modo meritocratico, ma pensa che sia già meritocratico. Nel Regno Unito, l’84% degli intervistati per un sondaggio sui comportamenti sociali svolto nel 2009 ha dichiarato che il duro lavoro è “essenziale” o “molto importante” quando si tratta di progredire in ciò che si fa, e nel 2016 il Brookings Institute ha certificato che il 69% degli americani ritiene che le persone siano ricompensate per la loro intelligenza e le loro competenze. Gli intervistati in entrambi i paesi ritengono che fattori esterni, come la fortuna e la provenienza da una famiglia benestante, siano molto meno importanti. Quest’idea è particolarmente pronunciata in questi due paesi, ma è molto popolare in tutto il mondo. Ma per quanto ampiamente diffusa, la convinzione che il merito, piuttosto che la fortuna, determina il successo o il fallimento nel mondo è palesemente falsa. Questo anche perché il merito stesso è, in gran parte, dovuto alla fortuna. Il talento, insieme alla capacità di compiere un determinato sforzo, dipendono molto dalle proprie doti genetiche e dall’educazione ricevuta. Questo per non parlare delle circostanze fortuite che caratterizzano ogni successo.

Leggi tutto