Sull’insulto (misses n. 6)

Di una conferenza che dovevo fare a Camogli “la Repubblica” ha pubblicato un estratto (dicendo che non si trattava del testo completo); ma il mondo è pieno di gente che legge le prime righe di un testo e ne fa un’analisi critica senza tener conto del resto. Quando doveva uscire il mio “Pendolo di Foucault”, “l’Espresso” ne aveva pubblicato l’inizio, dove un io narrante esprime il suo turbamento (ai limiti della follia) di fronte al pendolo che dà nome al romanzo. Subito un critico ha scritto sulle mie follie mistico-occultistiche, senza sapere che nel resto del romanzo si sarebbe fatta giustizia di quelle fantasticherie, che lo stesso io narrante poi ripudia.

Nel caso della conferenza di Camogli il titolo era “Lei, tu, la memoria e l’insulto”. Nel brano di “Repubblica” non si arrivava all’insulto, ma (avendo visto la parola nel titolo) c’è chi si è subito irritato perché io avrei considerato il “tu” come un insulto. Sarebbe bastato cercare on line il testo completo, ma per un giornale si deve scrivere in fretta, come Jack Lemmon in “Prima Pagina”.

Che cosa dicevo sull’insulto? Siccome sia l’uso del tu e altri fenomeni di linguaggio mi sembravano dipendere dal fatto che le giovani generazioni hanno una insufficiente memoria del passato, mi chiedevo come avrebbero potuto reagire alla tendenza degli adulti, di usare parolacce che una volta non avrebbero mai pronunciato.

 Qualche anno fa in parlamento, quando Furio Colombo stava denunciando alcuni episodi di razzismo, il deputato leghista Brigandì, come motivata contro-argomentazione, ha urlato “Faccia da culo!”, Bossi parlava di Berluskaz, Grillo ha detto dei suoi avversari «padri puttanieri che chiagnono e fottono», il senatore Nino Strano ha urlato contro il collega Salvatore Cusumano: «Sei una merda, sei un cesso corroso, sei un frocio mafioso, sei una checca squallida», Francesco Storace ha gridato a Mauro Paissan «Quella checca mi ha graffiato con le sue unghie laccate di rosso, io non l’ho toccato. Vi sfido a trovare le mie impronte sul suo culo…», Massimo De Rosa, parlamentare cinquestelle, ha urlato a un gruppo di deputate Pd «Siete qui solo perché brave a fare i pompini». Berlusconi avrebbe definito Angela Merkel «una culona inchiavabile».

Una volta gli adulti evitavano le parolacce, se non all’osteria o in caserma, mentre i giovani le usavano per provocazione, e le scrivevano sulle pareti dei gabinetti della scuola. Oggi le nonne dicono “cazzo” invece di perdirindindina; i giovani potrebbero distinguersi dicendo perdirindindina, ma non sanno più che questa esclamazione esistesse. Che tipo di parolacce può usare oggi un giovane, per sentirsi appunto in polemica coi suoi genitori, quando i suoi genitori e i suoi nonni non gli lasciano più alcuno spazio per una inventiva scurrilità?

Avevo quindi ripreso una vecchia “Bustina”, consigliando ai giovani parole desuete ma efficaci come pistola dell’ostrega, papaciugo, imbolsito, crapapelata, piffero, marocchino, morlacco, badalucco, pischimpirola, tarabuso, balengu, piciu, cacasotto, malmostoso, lavativo, magnasapone, tonto, allocco, magnavongole, zanzibar, bidone, ciocco, bartolomeo, mona, tapiro, belinone, tamarro, burino, lucco, lingera, bernardo, lasagnone, vincenzo, babbiasso, saletabacchi, fregnone, lenza, scricchianespuli, cagone, giocondo, asinone, impiastro, ciarlatano, cecè, salame, testadirapa, farfallone, tanghero, cazzone, magnafregna, pulcinella, zozzone, scassapalle, mangiapaneatradimento, gonzo, bestione, buzzicone, cacacammisa, sfrappolato, puzzone, coatto, gandùla, brighella, pituano, pisquano, carampana, farlocco, flanellone, flippato, fricchettone, gabolista, gaglioffo, bietolone, e tanti altri termini bellissimi che lo spazio mi obbliga a tagliare.

Speriamo bene, per la riscoperta dell’idioma gentile.

Umberto Eco

Annunci

Comments 5

  1. eugenetics 25 febbraio 2016

    Ottimo articolo di Eco.
    La Repubblica e l’Espresso erano giornali amici, ma forse gli episodi citati si riferiscono ad un periodo antecedente alle sue collaborazioni con le due testate.
    Specialmente un critico, dovrebbe andare a fondo nella lettura del testo che vuol commentare.
    Vero, è difficile leggere, per questo occorre essere compendiosi, pensando al lettore, ma non a spese della completezza del pensiero che si vuole esprimere. Fra le due cose: non essere letti o essere incompleti, io preferisco la completezza, accettando la prima, che è la norma.
    Il problema degli insulti assale anche me, ma è la rabbia che ti blocca; vorresti spiegare il perchè gli altri sbagliano, ma occorrono troppe parole. Solo che gli insulti non dicono nulla e gli altri rimangono nell’errore (secondo noi). Se poi ti mettessi di buzzo buono a parlare, non ti ascolterebbero. Meglio tacere del tutto.
    Divertente l’elenco delle alternative, tante a me del tutto sconosciute, non sarebbe stato male se avesse continuato.
    Come andrà a finire? Con l’attuale evoluzione dei linguaggi finiremo per non capire neanche le parolacce.

    Mi piace

  2. Pingback: Sull’insulto (misses n. 6) | eugenetics

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...