Zenone

La mia faccia allo specchio dà una prospettiva di fughe infinite: riflette altre facce che si rincorrono una dietro l’altra, come se andassero ad un appuntamento sempre disatteso con me stesso: quella del filosofo; quella del medico chirurgo; l’altra ancora dell’alchimista, dell’astrologo, dell’artificiere. Tutte sono segnate dall’inquietudine, dallo stesso ombroso accadimento; tutte hanno l’aspetto stralunato e magro di un figlio illegittimo d’Europa, su cui circolano voci d’empietà e sospetti di malefici e di sodomia; tutte moltiplicano gli stessi miei occhi magnetici, accesi d’orgoglio e d’impazienza.

Il segreto è forse nella circolazione del mio sangue, nella pressione dei sentimenti e delle passioni, nella mia carne vulnerata dal desiderio e dalla morte, prigioniera: in questo capillare spirito d’avventura per le scienze umane che può solo dissiparsi lentamente, non essere bruciato. Perché ogni lotta contro la falsità e l’ignoranza è sempre aspra: una febbre, una dissoluzione.

Marguerite Yourcenar – L’opera al nero

Annunci

Comments 6

  1. lucilontane 30 settembre 2015

    Mi viene da ammirarli e invidiarli questi occhi accesi d’impazienza e orgoglio. E la carne vulnerata di passioni, e la circolazione dei sentimenti…umanità senza filtro, imperfetta, vivissima. E amo anche la lotta aspra e la dissoluzione che genera. E amo la Yourcenar…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...