Dolores Haze (Lolita)

Lola, Dolly, Dolores: sono molti i miei nomi, ma per un quarantenne studioso di letteratura fui sempre e soltanto Lolita, rosa e lacrime, ninfetta demoniaca, enfant charmant et terrible, nebuloso turbamento e ineffabile lacerazione, impasto di trasognato candore e di perversa volgarità, crisalide di grazia e perfidia, puerilità e disincanto, goffaggine e languidezza.

Avevo uno zigomo gattesco, gli occhi grigio pallido, l’odore acerbo e inebriante, le spalle colore del miele, le gambe due linee d’avorio affusolate, il volto mutevole e botticelliano: ilare, luminoso, imbronciato di malinconia, mosso da violento malumore. Per Humbert Humbert ero l’ultima incarnazione o parodia dell’eterno femminino stilnovista, la farfalla prima che abbia bruciate le ali eppure già in consumata confidenza con il fuoco: una smaliziata Beatrice americana grottescamente in viaggio tra strade lunghissime e fauni camaleontici e patrigni incestuosi e tremebondi, giù dentro la nostra “epoca borghese e fracassona”.

Vladimir Nabokov – Lolita

Annunci

Comments 4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...