Moses Elkanah Herzog

Consumo il tempo sempre in cucina, nella mia casa di campagna, tra fondi di caffè e mangime per tordi. Il mio tavolo è coperto di fogli e indirizzi, biglietti, lettere, cartoline… l’immensa e patologica corrispondenza che ho intrapreso con il mondo. Scrivo, scrivo, e sono diluvi di notazioni, dispacci esistenziali, cronaca atomica di un fallimento.

Scrivo del mio scriteriato ottimismo, dell’incontenibile desiderio e dell’ira triste che appesantiscono la mia bocca carnosa, dell’eloquenza del cielo stellato, di questa strana convalescenza.

Scrivo di quando mio padre, un ebreo russo, contrabbandava alcolici e non riusciva in niente. E del mio primo matrimonio. Di come rinunciai alla sua stabilità. E del modo in cui la mia seconda moglie mi lasciò per un amico, chiedendo che venissi internato in una clinica psichiatrica.

Scrivo della tutela che mi è stata negata per i figli. E del corpo di Ramona. Scrivo agli amici, ai parenti, ai giornalisti, ai politici, e persino ai morti. Per via di una necessità che mi tiene in ostaggio: di chiarire, di rettificare i tanti refusi della mia esistenza e, laddove sia possibile, chiedere ammenda.

Saul Bellow – Herzog

Annunci

Comment 1

  1. Pingback: Riepilogo 7-12 09 | Moralia in Lob

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...